Italia Road Trip Sardegna

Tharros: perchè visitare l’antica città in Sardegna

Tharros - misonopersa.com

L’antico sito archeologico di Tharros è una delle più spettacolari attrazioni della costa occidentale Sarda. La storia ci dice che fu fondata dai Fenici, conquistata dagli Africani, dai punici ed infine dai Romani. Ognuna di queste epoche ha reso Tharros sempre più ricca. Gli scavi e le ricerche iniziarono già intorno al 1830 ma causarono la perdita di materiali e la distruzione delle tombe. Fu una vera e propria “caccia all’oro”.

Il mio Road Trip è partito dalla città di Cagliari. Passando per il villaggio di San Salvatore di Sinis e per la splendida spiaggia Is Arutas. Non poteva che concludersi con un pò di storia e archeologia nella mitica Tharros.

Tharros - misonopersa.com

Gli scavi scientifici che inizialmente riportarono alla luce gran parte degli attuali resti sono del 1956. Condotti dal Soprintendente Gennaro Pesce. Si scavò soprattutto sull’abitato punico-romano riportando alla luce due edifici romani e il castellum aquae.

Tharros - misonopersa.com

Tra i resti sono visibili il “grande tempio punico delle semicolonne”, il “tempio a pianta di tipo semitico” ed il “Tempietto K”. Inoltre è stata rinvenuta l’articolata rete idrica romana per il funzionamento degli edifici termali. Un vero e proprio capolavoro urbanistico!

Invece, il tempio tetrastilo che tanto ci attrae per la maestosità delle colonne, fu messo in luce negli anni Cinquanta. Del tempio si conserva il basamento rettangolare su cui si sviluppava l’edificio con 4 colonne. Per fini puramente turistici, due delle colonne vennero ricostruite dopo gli scavi. Su una di queste fu posizionato un capitello di ordine corinzio-italico appartenente al tempio.

Non ti ho ancora convinto?

La Sardegna è storia. Non solo mare, turismo e divertimento. Scegliere di capire le bellezze archeologiche di questa terra conquistata e dominata è fare un passo verso i Sardi. Verso quel popolo così diffidente ma dal cuore grande.

Passeggiata nella città di Tharros

Si racconta di una marchesa ricca e avida di Tharros. Un anno le terre della marchesa diedero così tanti frutti che non si trovarono abbastanza contadini per raccoglierli tutti ed i magazzini erano pieni. Si sparse la voce ed alcuni poveri vennero a chiedere un pugno di grano a testa. La marchesa, tra una montagna di grano da un lato ed un grosso mucchio di paglia dall’altro, rispose loro che il raccolto era andato a male. Il Signore volle punire tanta cattiveria e trasformò la marchesa in pietra e i due cumuli ai suoi lati in colline di terra fertile. Ancora oggi si possono vedere a Cabras il Monte Trigu e il Monte Palla. Li vicino c’è anche la marchesa pietrificata. Per vederla chiedete ai locals dove si trovano “Is perdas de sa Marchesa”.

– La Leggenda de “Is Perdas de sa Marchesa”

Ti è piaciuto questo post? Hai trovato delle info utili? 

CONDIVIDILO O LASCIA UN COMMENTO! 🖤


1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe piacerti anche...